Saint Vincent è un comune della Valle d’Aosta, che si colloca nel territorio nord-orientale della regione, a confine con la nazione francese e con il Piemonte, si tratta di una località molto celebre per la presenza del famoso “Casinò de la Vallée” molto frequentato dagli appassionati del gioco e motivo di interesse nei confronti di questo paesino dell’Italia nord-occidentale.

La località è compresa all’interno della Comunità Montana del Monte Cervino e si presenta come una delle mete turistiche più importanti della Valle d’Aosta, il paese è conosciuto anche per le sue terme, che hanno visto la presenza in passato, di personaggi importanti, appartenenti sia al mondo dell’arte che a quello dell’aristocrazia.

Il paese di Saint Vincent si presenta come un centro abitato non particolarmente esteso nel suo insieme, ricco di testimonianze e ricordi del passato e della storia, qui molto antica.

Gli appassionati di arte avranno la possibilità di dedicarsi alla visita di monumenti e costruzioni che raccontano le vicende e gli avvenimenti più importanti della cittadina, offrendo un patrimonio di inestimabile valore.

La cittadina di Saint Vincent si colloca in un territorio particolarmente favorevole sotto il profilo climatico, in quanto assolata in ogni stagione e capace di offrire divertimenti sia per gli amanti della neve, che qui troveranno molti chilometri di piste ed efficienti impianti di risalita, sia per gli appassionati del trekking, delle passeggiate e delle escursioni, che in estate potranno avere la possibilità di godere dei panorami offerti dalla natura.

Saint Vincent saprà poi essere il luogo ideale per tutti coloro che amano l’arte e la cultura, il comprensorio di Saint Vincent, che oltre al paese stesso vede la presenza di numerosi altri piccoli borghi, è custode di monumenti, chiese e costruzioni antiche meritevoli di essere visitati.

Tra i principali edifici che vi sorgono citiamo la Chiesa di San Maurizio, edificio sacro conosciuto anche con il nome di Chiesa di Moron, sorge appena fuori il paese e si costituisce come una delle architetture più antiche del territorio e la Chiesa dell’Immacolata Concezione, risalente al XVIII secolo, la Cappella di Grun, una costruzione sacra dedicata alla Vergine Immacolata e risalente alla prima metà del 1700.